Comitato territoriale Arcigay delle Provincie di Vercelli e Biella

Archivio per novembre, 2017

La “Giornata Mondiale di Lotta contro l’ AIDS” 2017 – Comunicato e calendario congiunto degli eventi di quadrante

aids1

Proteggi chi ami! Have fun. Use condom. Get tested!

In occasione del “Mese della sieroconsapevolezza” e del primo dicembre “Giornata Mondiale per la lotta all’AIDS”

Arcigay “Nuovi Colori” Verbania
Arcigay “Rainbow” Valsesia-Vercelli e Biella
Arcilesbica “L’isola che c’è” Novara e
NovarArcobaleno Associazione LGBTQIA+,

presentano un calendario congiunto di eventi di sensibilizzazione sull’importanza della prevenzione dell’AIDS e delle altre Malattie Sessualmente Trasmissibili.

01/02/03 Dic – l’Ospedale Maggiore di Novara organizza un Open Day : dalle 09:00 alle 18:00 ci sarà la possibilità di eseguire il Test HIV rapido presso il Padiglione F, primo piano, sala prelievi Ambulatorio Malattie infettive

01/02/03 Dic – Arcigay “Nuovi Colori” – nel centro di Verbania, Omegna e Domodossola i\le volontar* distribuiranno materiale informativo e profilattico.

01 Dic – Arcigay “Rainbow” Gruppo Giovani – “HIV e AIDS: quanto ne sai? Diventa sieroconsapevole: la conoscenza è la prima protezione”: Incontro formativo aperto al pubblico con la Dott.ssa Esposito dalle ore 18:00 presso il Circolo dei Lavoratori di porta Torino in C.so M. Prestinari, 193 a Vercelli

02 Dic – Arcigay “Rainbow” e DROP-IN – Stand informativo dalle 14:00 alle 18:00 in C.so Italia a Biella

02 Dic – Arcigay “Rainbow” – Stand informativo dalle 14:00 alle 18:00 in P.zza Cavour a Vercelli

02 Dic – NovarArcobaleno – “HIV & MIST / Conosciamole per prevenirle” : stand informativo dalle 14:30 alle 18:00 in Piazza delle Erbe a Novara

03 Dic – Arcilesbica “L’isola che c’è” – “La farfalla col casco non fa mai fiasco”: aperitivo e proiezione con stand informativo dalle ore 18:00 presso “Le Muse Fashion Café” in Via Antonio Bianchini, 3 a Novara.

06 Dic – Arcigay “Nuovi Colori” – AperitHIVo con la Dott.ssa Poletti (location da confermare)

06 Dic – Novararcobaleno e Cineforum Nord – Proiezione del film “120 battiti al minuto” dalle ore 21:00 presso il Cinema Araldo in Via Maestra 12 a Novara

15 Dic – Arcigay “Rainbow” – Aperitivo informativo dalle ore 18:00 presso il Bar “Cristina” a Pray Biellese

17 Dic – Arcigay “Rainbow” – Stand informativo dalle 10:00 alle 18:00 nell’ambito dell’evento “Il paese delle lanterne” a Quarona (Vc)

Secondo l’OMS l’Europa sta vivendo una delle epidemie più gravi dagli anni ’80 e una persona sieropositiva ogni 7 non sa di essere stata infettata mentre nel 47% dei casi la scoperta arriva in media 4 anni dopo l’infezione, quando la situazione è grave e quando potrebbe avere già infettato molte altre persone! Inoltre nel 2017 è già stato registrato un aumento del 20 % dei nuovi casi : aumento che arriva al 40% nei maschi gay tra i 25 e i 29 anni!

Di fronte a questa emergenza le nostre Associazioni vogliono richiamare ancora con forza l’attenzione di tutt* sull’importanza della prevenzione:

  • possiamo fare il TEST e vivere più sereni e consapevoli
  • possiamo usare il CONDOM nei rapporti anali e vaginali per ridurre il rischio e il DENTAL DAM per il sesso orovaginale e per l’anilingo.
  • se abbiamo l’HIV, possiamo rendere di fatto nullo il rischio di infettare altr* grazie alla TERAPIA
  • possiamo INFORMARCI: conoscere l’HIV e parlarne riduce le paure irrazionali e lo stigma verso le persone che vivono con HIV

Usare il preservativo/dental dam durante un rapporto sessuale è l’unico mezzo di protezione efficace per impedire il contagio da HIV e delle altre MST.

Sapere se sei sieropositiv* è indispensabile per te, per iniziare subito la terapia, e per gli\le altr* per non diffondere il virus!

Rivolgiti al sito del ministero dove si può cercare il centro clinico più vicino in cui fare il test, per il Piemonte : http://www.uniticontrolaids.it/aids-ist/test/dove.aspx

Ricorda il test è libero, diretto, anonimo e gratuito per il SSN.

Il Direttivo di
Acigay “Rainbow” Valsesia-Vercelli e Biella
Borgosesia, 30 novembre 2017.

Annunci

Ius soIi, il Consiglio Nazionale di Arcigay unanime sul sostegno al DDL…

Pubblichiamo un comunicato di Arcigay Nazionale

IUS SOLI, IL CONSIGLIO NAZIONALE DI ARCIGAY UNANIME SUL SOSTEGNO AL DDL: “COSTRUIAMO ALLEANZE AMPIE PER SOSTENERE LE BATTAGLIE PER I DIRITTI”

Bologna, 27 novembre 2017 – Il Consiglio nazionale di Arcigay, riunitosi a Bologna il 25 e 26 novembre, ha votato all’unanimità un ordine del giorno a sostegno della legge sullo ius soli,  che nei prossimi giorni sarà posta al voto in Senato. “Sosteniamo compattamente e con convinzione questa iniziativa – spiega il presidente di Arcigay, Flavio Romani – che corrisponde in pieno al nostro impegno e alla nostra battaglia per i diritti civili. Non solo: respingiamo con forza gli allarmi di chi usa temi come omofobia e misoginia per far leva sulla paura dello straniero e affossare questa iniziativa di legge: è incredibile che la politica italiana, una delle più misogine e omofobe d’Europa, usi questi argomenti. Si tratta di una grave mistificazione, che tenta di associare femminicidi e omofobia alla popolazione immigrata, mentre i dati raccontano clamorosamente tutt’altro. Arcigay, vogliamo ribadirlo, è assolutamente a favore del riconoscimento della cittadinanza italiana a tutti i ragazzi e le ragazze che sono nati nel nostro Paese, che qui hanno frequentato le scuole, parlano la nostra lingua, e sono di fatto parte integrante e preziosa del nostro tessuto sociale.  In questo senso annunciamo sin d’ora il nostro sostegno a tutte le iniziative e le mobilitazioni che in ogni parte d’Italia alzeranno la voce per chiedere il riconoscimento di questo diritto fondamentale”, conclude Romani.

Segnalazione: Monica Romano – “Diurna. La transessualità come oggetto di discriminazione”

Nell’ambito delle nostre iniziative per il “Trans Awareness Month” e del TDoR,  segnaliamo il saggio di Monica Romano,

“Diurna. La transessualità come oggetto di discriminazione”,

pp. 156, € 16,00;
Costa & Nolan, 2008.

I transessuali vivono una condizione di marginalità in tutti gli ambiti sociali fino alla totale esclusione nella famiglia, nella scuola, nel lavoro, nei rapporti sociali. Facendo riferimento alla situazione contemporanea in Italia, questo saggio, scritto da chi in prima persona ha sperimentato tale condizione, analizza le cause del processo e propone soluzioni in grado di favorire l’emancipazione e l’integrazione di questi soggetti. II libro si serve di supporti scientifici nell’ambito psichiatrico, genetico e biologico. Riporta inoltre una serie di testimonianze dirette, dal presente e dal passato (l’epoca classica, il Rinascimento, gli indiani d’America, la Germania nazista…), sottolineando come il fenomeno non sia recente ma storico. Un fenomeno che è stato purtroppo “scoraggiato” e ostacolato dall’occidentalizzazione e dalla modernizzazione. In particolare Monica Romano si sofferma sulla marginalizzazione nel mondo del lavoro e sulle norme antidiscriminatorie spesso assenti nei contratti nazionali.

“Ho trascorso buona parte dell’infanzia e dell’adolescenza a pormi domande. Quando sei bambino non hai bisogno di definirti, semplicemente “sei”. E non cogli l’imbarazzo delle persone che hai attorno. Poi arriva il giorno in cui qualcuno cerca di convicerti che qualcosa in te non va. Che non puoi muoverti in quel modo, parlare come parli, giocare a quei giochi. La mia identità di genere era visibile e percepita dagli altri. Gestualità, voce, sguardo, mi rivelavano. Crescendo, realizzi che ci sono i ragazzi, le ragazze, e tu. Quando vedi i tuoi compagni ridere e scherzare non con te, ma di te, vivendo quotidianamente il dileggio, gli insulti, le botte, inizi a porti domande. Nelle risposte può stare il senso di una vita.”

http://www.monicaromano.it/diurna-la-transessualita-come-oggetto-di-discriminazione/

Monica Romano è un’attivista del movimento per i diritti delle persone LGBT. Laureata in Scienze Politiche, ha collaborato con Arcitrans, Crisalide Azione Trans e La Fenice, che ha fondato e presieduto fino al 2009. Esperta di amministrazione del personale, si occupa anche di formazione sul tema della variabilità e non conformità di genere nella società e nel mondo del lavoro. Nel 2016 si è candidata per il Consiglio Comunale di Milano.

Terzo appuntamento con la Rassegna Almodovar: “Che ho fatto io per meritarmi questo?” – Borgosesia, 24 novembre 2017

14079549_1637097806619877_5026336095583760373_n

Per il terzo appuntamento  con la Rassegna Almodovar del Cineforum di Arcigay “Rainbow” 

proietteremo 

“Donne sull’orlo di una crisi di nervi”

venerdì 24 novembre 2017
alle ore 20:30

presso la “Sala Botta”
in Via Vittorio Veneto, 60
a
Borgosesia (VC)

 La rassegna dedicata a Pedro Almodovar continua col suo capolavoro  interpretato dalla grande Carmen Maura!

Pepa, una doppiatrice cinematografica, abbandonata da Ivan, suo collega ed amante, non sopportando l’idea di rimanere sola nell’appartamento pieno di ricordi, chiede a un’agenzia di affittarlo. Intanto, avendo avuto dalle analisi la prova di essere incinta, cerca in tutti i modi di comunicarlo a Ivan, per il quale prepara un gaspazco pieno di tranquillanti e sonniferi…

“La scrittura del regista spagnolo è fluida, elegante e aggressiva; lo stile è beffardo e a tratti anche sulfureo; in più l’autore si avvale dei ritmi della farsa.” (‘Segnalazioni cinematografiche’, vol. 107, 1988)“.

https://www.comingsoon.it/film/donne-sull-orlo-di-una-crisi-di-nervi/39541/scheda/

RASSEGNA ALMODOVAR

Personalità poliedrica, dai tardi anni ottanta è il regista più popolare del cinema spagnolo, rinomato anche a livello internazionale. Senza rinunciare alla rappresentazione delle realtà marginali della società, caratteristica delle sue pellicole d’esordio, Almodóvar sviluppa oggi trame basate sulle passioni e i sentimenti, sempre più sofisticate e “colorate”, con un’abbondanza di elementi scandalistici e provocatori. Temi tipici del regista sono i rapporti fra donne, l’ambiguità sessuale, l’amore e la passione omosessuale, la critica alla religione.

“L’erotismo è importante non per il sesso in sé, ma per il desiderio. Il sesso è solo ginnastica, il desiderio è forza del pensiero. E la forza del pensiero ha un potere immenso, può fare qualunque cosa.“

Pedro Almodovar

Prima dell’inizio della proiezione ci prenderemo un po’ di tempo per chiacchierare tra di noi e per conoscerci meglio;

inoltre troverete il nostro stand con i gadgets dell’Associazione, le t-shirts, i gadgets e gli opuscoli della campagna nazionale Arcigay contro l’omo\transfobia; ci sarà anche materiale informativo per sensibilizzare sulle MST e le pratiche di sesso sicuro, verrà distribuito gratuitamente materiale di prevenzione e avrete anche la possibilità di

 iscriverVi o di rinnovare l’iscrizione ad Arcigay “Rainbow”!

 

Vi aspettiamo! INGRESSO GRATUITO!

“La violenza sulle donne si deve e si può fermare” : momento di riflessione pubblica  – Vercelli, 25 novembre 2017

Arcigay “Rainbow” ha ricevuto un gradito invito e Vi invita a suo volta a partecipare a un evento organizzato dal Coordinamento delle Donne SPI – CGIL e Auser  per ricordare il 25 Novembre,  Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne,

“La violenza sulle donne si deve e si può fermare”

un momento pubblico di riflessione con la Dott.sa

Tiziana Tauselli
Psicologa e Psicoterapeuta

e le Donne del Gruppo di Autoaiuto

sabato 25 novembre 2017
alle ore 16:00

presso il
Salone della Camera del Lavoro
in Via Stara, 2 a Vercelli

 

LOCANDINA 25 NOVEMBRE 2017

Non mancate!

Segnalazione: Monica Romano – “Trans. Storie di ragazze XY”

Nell’ambito delle nostre iniziative per il “Trans Awareness Month” e in occasione del TDoR,  segnaliamo il saggio di Monica Romano,

“Trans. Storie di ragazze XY”,

pp. 196, € 13,00;
Mursia editore, 2015.

“Sei maschio o femmina?” È il 1986 quando Ilenia si sente fare per la prima volta questa domanda. Al momento non sa cosa rispondere, non vuole essere diversa, è e basta. La ricerca di una vera risposta la accompagnerà lungo tutto il cammino attraverso l’adolescenza e verso l’età adulta. Il suo è il viaggio travagliato di una ragazza che sembra avere per la società e per i benpensanti un’unica meta, la prostituzione. Ma Ilenia è una persona che non si arrende e scompiglia fin da subito le carte del destino: nonostante bullismo, discriminazione, violenze fisiche e verbali, si laurea, trova un lavoro e un amore inaspettato, quello per una donna. Le paure, le battaglie, le ferite, i traguardi di una giovane trans, che come tante altre ragazze XY, lotta per una vita serena e autentica, verso la libertà di genere e il pieno diritto di cittadinanza per le persone transgender nella società civile.

Brenda è morta il 20 novembre, proprio nella giornata della memoria transgender. Quale sarà stato il suo cognome? Per i giornalisti noi trans non abbiamo il cognome, solo il nome. Solitamente si fanno beffa di noi e, strizzando l’occhio al lettore, lo mettono fra virgolette. Non contenti declinano participi e pronomi al maschile, cancellando una vita intera con la semplice scelta di una vocale. I peggiori usano definizioni offensive come «travestito» o «viado», parola spaventosa che in portoghese significa «deviato». Il suono, le immagini evocate, il contesto culturale che gli ha dato vita, tutto mi spaventa in questa parola. «Il viado Brenda ucciso da esalazioni di fumo». «Brenda: morto carbonizzato il travestito coinvolto nel caso Marrazzo». Il cognome di quella ragazza era Mendes Paes. Quali saranno stati i suoi sogni, i suoi pensieri, la sua storia? Quale opinione avrà avuto di quei «cronisti» che la rincorrevano nell’atrio di un portone?

http://gayburg.blogspot.it/2016/05/trans-storie-di-ragazze-xy-di-monica.html

Monica Romano è un’attivista del movimento per i diritti delle persone LGBT. Laureata in Scienze Politiche, ha collaborato con Arcitrans, Crisalide Azione Trans e La Fenice, che ha fondato e presieduto fino al 2009. Esperta di amministrazione del personale, si occupa anche di formazione sul tema della variabilità e non conformità di genere nella società e nel mondo del lavoro. Nel 2016 si è candidata per il Consiglio Comunale di Milano.

 

XIX International Transgender Day of Remembrance (TDoR) – 20 novembre 2017

1399953450309“Tis very true: my grief lies within,
And these external manners of laments

Are merely shadows to the unseen grief
That swells with silence in the tortured soul.”

W. Shakespeare, Richard II, act 4, sc.1, 285-8.

Arcigay “Rainbow” Valsesia-Vercelli e Biella

partecipa al diciannovesimo “International Transgender Day of Remembrance” e dà il suo sostegno così come invita a sostenere tutte le Associazioni e persone che lottano per il riconoscimento pubblico della dignità e dei diritti delle persone transessuali e transgender;

ribadisce con tutta la forza delle parole e degli atti delle sue volontarie e volontari il diritto intangibile delle persone transessuali e transgender a esprimere liberamente la propria autentica personalità in ogni luogo pubblico o privato senza essere per questo irrise, discriminate, marginalizzate, vessate, aggredite o uccise;

denuncia il numero sconvolgente di donne e uomini transessuali e transgender uccisi ogni anno in tutto il mondo, spesso in modo particolarmente brutale per negarne l’ umanità, e si oppone al tentativo dei mezzi di informazione e di parte della società di sminuire la dignità delle vittime;

pretende che si compia ogni sforzo per assicurare alla giustizia i colpevoli e chiede con sdegno per il ritardo accumulato rispetto a tutte le legislazioni europee che anche in Italia venga stabilita un’aggravante specifica che riguardi finalmente tutti i crimini motivati da odio;

riafferma il diritto delle persone transessuali a essere umanamente ricordate e compiante nella loro preziosa e irripetibile individualità e identità e il diritto per chi le ha amate al riconoscimento pubblico e al rispetto del proprio lutto.

In questa giornata del ricordo Arcigay “Rainbow” si unisce quindi a tutt* coloro che vegliando piangono le vittime e ne conservano la memoria ed è particolarmente vicina a chi ha perso una persona cara a causa dell’odio e della violenza transfobica.

Il Direttivo di
Arcigay “Rainbow” Valsesia-Varcelli e Biella,
Borgosesia, 20 novembre 2017.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: