Comitato territoriale Arcigay delle Provincie di Vercelli e Biella

Archivio per agosto, 2015

Segnalazione: Bruno Casini – “Sex and the World. Viaggi Gay e rock’n roll”

Bruno-Casini-Sex-and-the-world-copertinaSegnaliamo il libro di Bruno Casini,

“Sex and the World. Viaggi gay e rock’n roll”,

pp. 164 – illustrate b/n, € 17,00;
Editore Zona, 2015.

Bruno Casini è un personaggio che lascia il segno, ovunque vada e in chiunque lo conosca. La sua grande vitalità, curiosità e inesauribile voglia di scoprire luoghi e persone l’hanno sempre spinto in giro per il mondo a caccia d’esperienze e di avventura: in questo libro racconta più di 25 anni di viaggi e incontri, da un rocambolesco tour tra Orano (Algeria) e Marrakesh (Marocco) nel 1973 a un appuntamento (quasi) al buio a Zurigo, nel 2009.
Di mezzo ci sono Patmos, l’isola greca dove san Giovanni avrebbe scritto l’Apocalisse, e la Gay Bay Area di San Francisco, Berlino alla vigilia della caduta del muro e Zeltweg, in Austria, per il concerto dei Rolling Stones nel 1995, e poi Londra, Madrid, Barcellona, Cordova, Parigi, Atene, Praga, Lisbona, Amsterdam, New York, Los Angeles, Ketama, ancora in Marocco, e Herat, in Afghanistan, insieme a tappe a più corto raggio, nel perimetro italiano.
Storie di vita, amicizia, amore, musica, politica, sesso, letteratura, inclinazioni ideali, trasgressioni, conquiste e battaglie in nome di un mondo più libero e giusto – per viaggi di piacere e non solo, c’è anche una finestra sui lavori forzati del servizio militare. Qui c’è insomma buona parte della strada che il ragazzo Bruno ha percorso fin qui, ed è decisamente tanta. E bella.

“Oggi ho fatto un salto al vecchio bazar di Herat per le ultime spese, prima nella parte dedicata alle stoffe e ai vestiti, poi da un artigiano che fa gioielli: ho scelto due pietre e mi ha preso la misura per due anelli, uno con un lapislazzuli e l’altro con un turchese, saranno pronti per domattina sul tardi. Gli anelli mi hanno sempre affascinato, ne comprerei a decine, poi da queste parti le pietre preziose costano niente. Tornerò in Italia con le mani piene di anelli magici e densi di ricordi afghani, non dimenticherò questo viaggio straordinario che rimarrà nel mio cuore per tutta la vita. Lasciare questi spazi infiniti, questi paesaggi mozzafiato, i meravigliosi sorrisi di questo popolo, questi profumi inebrianti, questi colori adrenalinici, queste notti fiabesche, per tornare in occidente: ma perché non resto qui? E invece rieccoci a Firenze, in questa casa tra i tetti, tutti insieme appassionatamente a raccontarci le nostre avventure nel mondo, ad ascoltare le nostre filosofie di vita fino alle prime luci dell’alba. Quasi quasi riprendo zaino e sacco a pelo, scendo per strada e riparto per il magico oriente.
On the road again!”

filippomilani2Bruno Casini, fiorentino, si occupa da sempre di comunicazione e promozione culturale. Laureato in storia del cinema con Pio Baldelli, è stato negli anni Ottanta tra i fondatori della rivista Westuff e ha diretto per oltre dieci anni – nel capoluogo toscano – l’Independent Music Meeting, prima rassegna italiana delle etichette indipendenti. Primo manager del gruppo, ha publicato In viaggio con i Litfiba. Cronache rock dagli anni Ottanta (ZONA, 2009), il libro che ne ha anticipato la reunion. Tra i fondatori del Banana Moon, storico freak-rock club fiorentino, ha dedicato a quella esperienza il libro omonimo ( 2008). Ha pubblicato anche “Felici & Maledetti. Che fine ha fatto Baby Jane? Moda e clubbing anni Ottanta a Firenze” (2011) e “Ribelli nello Spazio. Culture Underground Anni Settanta” ( 2013); “1975: viaggio in Afghanistan” (2006) e curato i volumi “Tondelli e la musica” (1994) e “Frequenze Fiorentine” (2003).

http://www.editricezona.it/sexandtheworld.htm

http://firenze.repubblica.it/tempo-libero/articoli/cultura/2015/03/19/news/il_nuovo_libro_di_bruno_casini_viaggi_e_sesso_senza_censure_-109988897/#gallery-slider=109991256

http://www.editricezona.it/sexandtheworld-iltirreno.htm

Annunci

Recensione: “Più che amiche” di Jennifer Quiles

UnknownPubblichiamo la recensione della nostra Serena, che ringraziamo sempre tantissimo, all’ormai classico manuale di Jennifer Quiles,

“Più che amiche. Manuale di autoaiuto per donne che amano le donne”,

pp. 240, € 17,50;
Edizioni Ultra, 2014.

Jennifer Quiles si è battuta con determinazione e coraggio per la difesa dei diritti delle donne lesbiche in Spagna e si è impegnata in prima persona per abbattere tabù, luoghi comuni e idee erronee.

Questo libro è una vera e propria guida per le ragazze che almeno una volta nella loro vita hanno provato attrazione per una donna e si sentono spaesate e senza punti di riferimento di fronte a questo forte sentimento nuovo.
Il saggio è molto tecnico e fornisce una vastissima gamma d’informazioni sul tema della sessualità umana, con l’obiettivo di abbattere pregiudizi radicati sull’omosessualità: addirittura nella parte finale si possono trovare tre appendici apposite per i genitori che si trovano a dover gestire le loro emozioni contrastanti di fronte a una figlia che si scopre omosessuale o bisessuale.
L’ho trovato esauriente e molto interessante; può essere letto da tutti, anche da coloro che semplicemente sono interessate all’argomento trattato o nutrono pregiudizi sull’omosessualità e vorrebbero saperne di più e in maniera più obiettiva.

Nelle ultime pagine vengono consigliati altri libri a tematica LGBT e segnalate associazioni, collettivi e locali gay/lesbo in Italia.

 Serena Segantini

 http://lezpop.it/jennifer-quiles-piu-che-amiche/

UnknownJennifer Quiles (1968-2005), nata da genitori spagnoli, ha vissuto a Barcellona sin dall’età di due anni. Ha studiato giornalismo presso l’Università Autonoma di Barcellona prima di diventare redattrice della «Vanguardia», «El Mundo Deportivo» e direttrice della rivista lesbica «Nosotras». Amante della cultura omosessuale e della letteratura lesbica,  si è battuta con determinazione e coraggio per la difesa dei diritti delle donne lesbiche in Spagna e si è impegnata in prima persona per abbattere tabù, luoghi comuni e idee erronee; con il passare degli anni è diventata un importante punto di riferimento per la comunità lesbica internazionale. E continua a esserlo anche dopo la sua morte avvenuta nel marzo del 2005.

http://www.castelvecchieditore.com/piu-che-amiche/

Le foto del “Cammino dei diritti” a Vercelli! 17 agosto 2015

11013581_10206115509161086_7325472325781041474_n 11903952_10206115509961106_3026079139842447201_n 11866461_10206115510361116_471270904842104191_n 11904629_10206115512281164_2760432053238441393_n11233773_10153567068658126_8880628403983905436_n

 

Lunedì il “Cammino dei diritti” ha fatto tappa a Vercelli ed è stato accolto di fronte al Municipio da molte cittadini e cittadine, dalle nostre e dai nostri nostri militanti festanti e ufficialmente come si conviene dalle Autorità cittadine tra le quali vogliamo ricordare il discorso toccante della Consigliera comunale Lorenzina Opezzo; successivamente ci siamo accomodati nella Sala della Giunta comunale su invito della Sig.ra Sindaco, Maura Forte, del Presidente del Consiglio comunale e di tre Assessori che tutt* hanno significato la loro vicinanza personale e della Amministrazione tutta alle rivendicazioni sostenute dall’iniziativa.

Cogliamo l’occasione per Ringraziare i e le camminanti e loro sostenitori e sostenitrici, le Autorità, tutt* i e le convenut*, ma vogliamo ricordare e ringraziare anche la nostra Giulia e il nostro Filippo che si sono spesi perché i e le camminanti avessero un degno ricevimento! Grazie a tutt*!

Foto di Pietro Spina e Giulia Bodo.

 

Segnalazione: Helen Humphreys – “Cani selvaggi”

PG_Humphreys-cani_red senza_OKMCConcludiamo la serie estiva di segnalazioni con la nuova edizione del romanzo di Helen Humphreys,

“Cani selvaggi”,

pp. 192, € 15,00;
Playground editore, 2007\2015.

In una piccola città della provincia canadese la chiusura di un mobilificio – vero centro economico dell’area – genera inquietudine. Le vittime di un clima pesante sono soprattutto le donne, i bambini e i cani. Proprio sei cani, senza apparenti avvisaglie, fuggono o sono spinti a fuggire dalle case dove sono cresciuti e dove sono stati nutriti, scegliendo di vivere nel bosco, di essere selvaggi, liberi. I loro padroni – Alice, Jamie, Lily, Walter, Malcolm e una misteriosa biologa – ogni sera si ritrovano in un campo ai margini del bosco e chiamano i loro cani nella speranza che tornino a casa. Fra i sei padroni si stabilisce un legame molto stretto, che sovrappone all’attesa del ritorno dei cani, speranze d’amore, di amicizia e di risoluzione delle proprie solitudini, mentre sullo sfondo si prepara la resa dei conti, la dolorosa soluzione alla incomprensibile vicenda dei cani che hanno scelto di diventare selvaggi.

http://www.playgroundlibri.it/libri.php?lid=80

humphreys_helenHelen Humphreys (London 1961) è una scrittrice e poetessa canadese. Nel 1997 il suo romanzo “Leaving Earth” ha vinto il prestigioso premio letterario “City of Toronto Book Award”. Il suo secondo romanzo, “Afterimage”, è stato segnalato fra i dieci romanzi più significativi dell’anno da “The New York Times” e ha vinto il “Rogers Writers’ Trust Fiction Prize”.
“Il giardino perduto” (2002) è stato selezionato dal Canadian Broadcasting Corporation (CBC) e dal Canada Reads Selection e il romanzo “Coventry” (2008) è stato diverse settimane ai vertici delle classifiche canadesi.
Nel 2009 Helen Humphreys ha vinto il prestigioso l’”Harbourfront Festival Prize2 e nel 2012 è stata finalista al “Canadian Authors Association Award” con “La verità, soltanto la verità” .

 

 

Il “Cammino dei diritti” fa tappa a Vercelli! 17 agosto 2015

48e1ed_175019eee0bf4ef3a73fef4e22ae1e5a.jpg_srz_p_134_100_75_22_0.50_1.20_0.00_jpg_srzArcigay “Rainbow” Valsesia – Vercelli accoglierà i\le partecipanti al
“CAMMINO DEI DIRITTI”

lunedì 17 agosto
alle ore 18:00

presso il Municipio
in Piazza Municipio, 5 a Vercelli.

Vi invitiamo tutt* a festeggiare con noi e le autorità della Città di Vercelli (Sindaco, Consiglieri e Capigruppo) i\le partecipanti al pellegrinaggio laico che da Torino arriverà a Roma lungo la via Fracigena per sensibilizzare l’opinione pubblica e chiedere al Governo Italiano una legge che garantisca alle coppie di fatto di qualsiasi orientamento sessuale diritti equiparabili a quelli delle coppie sposate e una legge che garantisca alle coppie dello stesso sesso che lo desiderano di potersi sposare civilmente!

Chi è interessato, può accompagnare il cammino anche solo in una parte del percorso od ospitare i\ le camminanti… trovate tutte le informazioni sul sito:

http://camminodeidiritti.wix.com/camminodeidiritti

https://www.facebook.com/pages/Cammino-dei-Diritti/1537874093147720

Arcigay “Rainbow” sarà presente per l’occaisone anche il con un suo stand presso il quale troverete le nostre volontarie e volontari che proporranno, oltre ai gadgets dell’Associazione, le t-shirts, i gadgets e gli opuscoli della campagna nazionale Arcigay contro l’omo\transfobia; ci sarà anche materiale informativo per sensibilizzare sulle MST e le pratiche di sesso sicuro e verrà distribuito gratuitamente materiale di prevenzione.

Dopo la cerimonia di accoglienza per rifocillare i\le camminanti seguirà una cena al

10153285_812548118841940_4691434938435854744_n “Ristorante D’Italia”

in Via Galileo Ferraris, 2
con uno spendido affaccio su Piazza Cavour.

Menù a 15,00

Per prenotazioni e per qualsiasi ulteriore informazione vi preghiamo di contattare i numeri:

3495272350 Laura Leone

3428008798 Filippo Stramaccioni

3334371436 Giulia Bodo

Il Direttivo di
Arcigay “Rainbow” Valsesia-Vercelli.

Segnalazione: Helen Humphreys – “Il giardino perduto”

il_giardino_bigContinuiamo la serie estiva di segnalazioni col romanzo di Helen Humphreys,

“il giardino perduto”,

pp. 200, € 14,00;
Playground Editore, 2009.

1941. la Seconda Guerra Mondiale imperversa in Europa, e l’Inghilterra è il bersaglio dei micidiali bombardamenti degli Stukas tedeschi. Gwen Davis decide di lasciare Londra e il suo lavoro alla Royal Horticultural Society per entrare a far parte del Land Army, un corpo paramilitare incaricato di coltivare la terra per meglio sostenere lo sforzo bellico. Dirigerà una squadra di sette Land Girl, agricoltrici volontarie, in una tenuta della campagna del Devon.
L’arrivo nella tenuta di Mosel riserverà da subito a Gwen numerose sorprese. Innanzitutto la presenza di un reggimento di soldati canadesi in attesa di essere inviati sul fronte europeo, alloggiati nella villa padronale e guidati da un giovane e affascinante capitano, Raley. Quindi l’ostilità delle Land Girl, riluttanti ad accettare la sua autorità, e al contrario, devote alla più grande di loro, Jane, una ragazza orgogliosa, ma fragile, reduce da un esaurimento nervoso e in attesa del fidanzato “disperso in guerra”. Infine, la scoperta, tra gli orti e i frutteti abbandonati, di un giardino nascosto, che Gwen decide di voler decifrare, intimamente convinta che contenga un messaggio d’amore misterioso.
Donna solitaria, prudente, segnata dal difficile rapporto con la madre, Gwen troverà grazie all’incontro con il capitano Raley e con la tormentata Jane, la forza di osare, di inseguire i propri desideri e di affrontare l’amore, incarnato dal misterioso giardino perduto.

http://www.playgroundlibri.it/libri.php?lid=38

humphreys_helenHelen Humphreys (London 1961) è una scrittrice e poetessa canadese. Nel 1997 il suo romanzo “Leaving Earth” ha vinto il prestigioso premio letterario “City of Toronto Book Award”. Il suo secondo romanzo, “Afterimage”, è stato segnalato fra i dieci romanzi più significativi dell’anno da “The New York Times” e ha vinto il “Rogers Writers’ Trust Fiction Prize”.
“Il giardino perduto” (2002) è stato selezionato dal Canadian Broadcasting Corporation (CBC) e dal Canada Reads Selection e il romanzo “Coventry” (2008) è stato diverse settimane ai vertici delle classifiche canadesi.
Nel 2009 Helen Humphreys ha vinto il prestigioso l’”Harbourfront Festival Prize2 e nel 2012 è stata finalista al “Canadian Authors Association Award” con “La verità, soltanto la verità” .

 

 

Le foto di “The Queens of the Night”! A Brovato – 02 agosto 2015

11836893_10207122064399011_2123216237511559521_n 11145117_10207122067079078_6359661780872027354_n 11800563_10207122068079103_1146545574191459320_n 11813401_10207122069919149_6043661053966509764_n 11781806_10207122072359210_5068489810446055844_n 11825185_10207122076439312_2519884363989131761_n 11813487_10207122081719444_1430401186159987705_n 11796260_10207122094919774_6091818627571699980_n 11817037_10207122095159780_2016163896540576697_n 11828636_10207122091879698_7062998212132080884_n 11822709_10207122098559865_7418370177920621984_n 11817244_10207122097599841_3917078100455184019_n 11836786_10207122105760045_8918555555003648870_n 11822408_10207122106840072_3394437077854339230_n 11796303_10207122107280083_4933758487404975154_n 11846633_10207122112280208_2937708388930112757_n 11825975_10207122112800221_8985506516954582816_n 11828694_10207122114400261_5603225026803534059_n 11836643_10207122118920374_55715215955141163_n 11694080_10207122120680418_755820554941989979_n 11822818_10207122058038852_4454776633251955996_nEcco le foto del “drag queen show” di Brovato (BI) e dello stand di “Arcigay Rainbow”! Grazie alle artiste che si sono esibite: Enrico, Alberto, Matteo e Umberto! Grazie all’ArciBrovato e agli organizzatori e organizzatrici che hanno fortemente voluto l’evento e la nostra presenza per esprimere una chiara presa di posizione nella lotta all’omo\transfobia; grazie al pubblico che ha partecipato divertito e che ci ha supportato! Grazie infine a* nostr* attivist* e amic* sempre più numeros*, Laura, Monica, Rudy, Michela, Pascal, Chiara, Jos, Alex, Anita, Mauro, Fabiano, Stefano, Federico, Filippo, Modu, Muhammed, Amadou e Stefano: siete una speranza per il futuro di tutt*!

Foto di Laura Leone.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: