RGR_logoArcigay “Rainbow” è stata invitata a partecipare al meeting annuale di “Rete Genitori Rainbow” che si è svolto sabato 7 marzo 2015 a Torino. Ringraziando ancora per la considerazione e affetto mostrateci, pubblichiamo il discorso che in quella occasione ha tenuto la nostra Presidente, Anita Sterna.

È un onore oltre che un piacere essere qui con voi oggi e avere la possibilità di parlare davanti alla vostra Associazione, perché sia io che tutta Arcigay “Rainbow” Valsesia-Vercelli pensiamo che voi siate l’unico vero baluardo della famiglia che ci resta in Italia!

Pochi in Italia infatti si impegnano ancora come voi per avere una famiglia e allevare figli e figlie e la vostra lotta per il riconoscimento di questo impegno per le vostre e le nostre famiglie è una lotta culturale e civile importante per la società tutta che vive una profonda crisi delle famiglie.

Perciò l’attività della vostra Associazione è un esempio di tutela di un valore sociale, tanto più che tutti quegli altri che dicono di lottare per la famiglia è chiaro che usano la famiglia più o meno tradizionale solo come pretesto per mantenere le loro rendite di posizione politiche, rendite di posizione spesso di dubbia moralità.

Voi coppie same-sex, siete anche un baluardo di civiltà e di civilizzazione del Paese, perché con le vostre semplici rivendicazioni, sì perché si tratta di rivendicazioni logiche, condivisibili e semplici, voi siete in prima linea nel contrastare un modello retrogrado di società basato sull’imposizione mortificante di stereotipi sessuali ridicoli, basato sulla subordinazione della donna all’uomo e troppo spesso basato ancora sulla chiusura confessionale della società.

Siamo nel mese dedicato alla donna e a proposito di stereotipi sessuali ridicoli e mortificanti, permettetemi di rivolgermi particolarmente a tutti gli uomini: liberatevi finalmente dell’atavismo che spesso vi condanna a non sapervi prendere cura de* figli* e imparate dai padri che vedo qui stasera!

Fortunatamente però in Italia non siamo gli unici a pensarla così, perché, anche se la politica nazionale continua a far finta di niente o a fare molta fatica in questo senso, la Giurisprudenza a partire dalle recenti sentenze della Cassazione, ha già riconosciuto che le vostre sono famiglie a tutti gli effetti e come tali meritevoli di tutela.

A tal proposito ricordo solo che la “step child adoption” non è tanto un diritto dell’adulto, ma una salvaguardia dei diritti dei e delle minor* di vedere riconosciuta la loro sicurezza affettiva e stabilità economica, ed è uno scandalo che ci sia qualcun* che ha ancora il coraggio di eccepire in merito!

Allora diciamo al nostro legislatore che ben vengano le unioni civili paritarie perché, come Associazione, siamo favorevoli a una pluralità di istituti che regolino le relazioni familiari, ma solo in un quadro di totale eguaglianza tra coppie omo- ed eterosessuali e quindi subito matrimonio egualitario, matrimonio per tutt*, ossia diritto di scelta, diritto di potersi o meno sposare per tutt* e tutela delle coppie di conviventi!

Il lavoro che facciamo tutt* noi, tutte le nostre Associazioni, riguarda quindi una vera battaglia per la parità di diritti.

Quello che in particolare state facendo voi, alla luce della parità di trattamento e fruizione dei vostri diritti come famiglie, ha una portata enorme e il vostro contributo in questo senso è determinante ed essenziale, essenziale e determinante.

Perciò con profonda riconoscenza ringrazio “Rete Genitori Rainbow” per averci invitati a unirci a voi per portare il nostro piccolo contributo.

11034633_10206339448628920_1162400184_oAnita Sterna, Presidente di
Arcigay “Rainbow” Valsesia-Vercelli

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...